Passa alle informazioni sul prodotto
1 su 2

Nutraff

EKFP - Creatina

EKFP - Creatina

Prezzo di listino €29,00 EUR
Prezzo di listino €29,00 EUR Prezzo scontato €29,00 EUR
In offerta Esaurito
Imposte incluse. Spese di spedizione calcolate al check-out.
Quantità

Descrizione

EKFP® è un integratore alimentare a base di creatina monoidrato.

 

La creatina incrementa le prestazioni fisiche in caso di attività ripetitive, di elevata intensità e di breve durata (l'effetto benefico si ottiene con l'assunzione giornaliera di 3g di creatina).

 

MODI D'USO:

Sciogliere 3,4g di prodotto in 200ml d'acqua ed assumere una volta al giorno, preferibilmente mezz'ora prima dell'allenamento.

 

*clicca sul video per ingrandire

 

QUANTITA':

200 gr e 400 gr.

 

CODICE MINISTERIALE:
PRODOTTO INCLUSO NEL REGISTRO DEGLI INTEGRATORI DEL MINISTERO DELLA SALUTE COD. 102975

Valori Nutrizionali

INGREDIENTI:

Creatina monoidrato.

(iCreatine™ - Instant Creatine Mono)

 

VALORI NUTRIZIONALI:

VALORI NUTRIZIONALI
per dose giornaliera 3,4 g

Creatina Monoidrato

 

 

di cui Creatina

3,4 g

3 g

IMMAGINE COMPARATIVA:

EKFP a confronto con altre creatine mono

Approfondimenti

EKFP® è un integratore costituito da una particolare e ricercata creatina monoidrato

E’ una sostanza che deriva dai tre aminoacidi: arginina, glicina e metionina. 

 

Ricopre un ruolo fondamentale nella contrazione muscolare essendo indispensabile per il ciclo energetico ADP - ATP. 

 

La creatina, a seguito dei processi metabolici, nell’organismo verrà convertita in creatinfosfato. 

Il creatinfosfato carica l’ADP (adenosindifosfato) cedendogli il gruppo fosfato e trasformandolo in ATP, questo nel fornire energia perde un gruppo di fosfato ritrasformandosi in ADP che poi verrà di nuovo riutilizzato nel circolo energetico. 

 

La creatina serve a: 

  • Migliorare il recupero fisico post attività ripristinando più prontamente (come fosfocreatina) le riserve energetiche utilizzate durante l’attività fisica.
  • Migliorare la performance fisiche se assunta prima dell’attività.
  • Stimolare la sintesi proteica.
  • Facilitare l’idratazione e la volumizzazione cellulare e l’incremento della forza.


Uno dei problemi della fosfocreatina è la conversione in creatinina ovvero un’inattivazione della molecola, che poi verrà eliminata a livello renale. Si tratta di una reazione chimica tra il carbossile del gruppo acetico e del gruppo amminico.

 

EKFP presenta un grado di conversione in creatinina molto basso in quanto è dotata di una velocità di dissoluzione e solubilità molto alta (doppia rispetto ad una classica creatina, vedi grafico), il tutto a vantaggio dell’elevato assorbimento e metabolizzazione. 

 

Visualizza dettagli completi

Potrebbe interessarti anche